Prozac personali

Chissà se le persone che mi vedono passare velocemente in bici ridacchiando, pensano che io sia pazza.
La verità è che non mi interessa.
In questo momento uno tsunami di libertà mi sta travolgendo, e la cosa che più mi esalta è che me ne sto rendendo conto. Non sempre si è consapevoli di quello che ci succede, di come è DAVVERO la nostra vita, e pensiamo sempre in maniera negativa, calpestando fatti e conquiste che poi, guardandoci indietro, realizziamo essere state fondamentali ed importanti.
“si stava meglio quando si stava peggio”. Ci fermassimo solo un po’ + spesso ad analizzare cosa abbiamo, non lo rimpiangeremmo in futuro (o forse si, però con la soddisfazione di essercelo goduto).
Mi sto godendo le corse notturne in bici, le passeggiate al sole, la scoperta di nuovi posti, le sciocchezze dette sul fiume coi miei nuovi amici spagnoli e rispondere con qualche espressione colloquiale, sentire il verso dei pappagalli e alzare la testa per cercarli sugli alberi, il profumo dei fiori di arancio che si stanno schiudendo, attraversare la città con sicurezza, trovare un posto pazzesco e portare poi qualcuno a vederlo, la facilità con cui mi sento a mio agio con persone straniere anche dopo 3 minuti di conoscenza, ascoltare i Beirut mentre cammino x strada e sapere che verranno indelebilmente legati a questi momenti, a questi luoghi, e ogni volta che li riascolterò in futuro, chiuderò gli occhi e sarò di nuovo qui, e perfino al fare cose routinarie, ormai divenute nuove abitudini.
E soprattutto, quel che adesso mi sta rafforzando più di tutto: la mia INDIPENDENZA. Non quella economica, no. Quella psicologica. Ho capito che da sola posso. E non mi tiro indietro. All’inizio mi è costato. È stato come dover raggiungere qualcosa 3cm + lontano del mio punto d’appoggio, come nelle classiche scene da film in cui il protagonista è in bilico sul burrone e riesce solo a sfiorare l’appiglio.
Ma poi con una piccola spinta e un salto deciso, ci sono arrivata, e quello che ho ottenuto è valso la paura di saltare. Adesso mi sembra che il mio “appiglio di sicurezza” si sia spostato un po’ + in là. O forse sto saltando + lontana io, non lo so!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...